Per urgenza 24h centralino: +41 (0) 91 805 31 11 info@cardiocentro.org
Assistenza al paziente

All’interno di quest’area troverà tutte le informazioni utili che hanno lo scopo di rendere più confortevole il suo soggiorno al Cardiocentro.

In Evidenza
Specialità

Grazie alla sinergia di cardiologi, cardiochirurghi e cardioanestesisti, il Cardiocentro mette a disposizione tecniche chirurgiche sempre meno invasive e le più aggiornate procedure interventistiche.

Cardiocentro

Gestito da una fondazione privata, ma integrato nel servizio sanitario cantonale, il Cardiocentro Ticino è una clinica universitaria all’avanguardia e altamente specializzata in Cardiologia, Cardiochirurgia e Cardioanestesia.

Prevenzione

Cardiocentro svolge attività di divulgazione scientifica e comunicazione informativa, nell’ambito della ricerca e della prevenzione

Imaging Cardiaco

Imaging Cardiaco

L’evoluzione delle tecnologie diagnostiche legate all’immagine ha modificato profondamente la medicina moderna e la cardiologia in particolare. Su questa evoluzione il Cardiocentro ha da sempre fortemente investito e questo impegno non è stato “semplicemente” finalizzato all’acquisizione delle tecnologie più aggiornate, ma anche alla strutturazione di un servizio specificamente ed esclusivamente dedicato all’imaging, dove cardiologi e personale tecnico qualificato, impegnati in programmi di formazione continua, sono oggi in grado di sfruttare tutte le potenzialità dall’utilizzo integrato di apparecchiature sempre più performanti e sempre più sofisticate.

Grazie a questa politica di investimenti, il Cardiocentro Ticino dispone oggi delle più moderne tecnologie di imaging cardiaca.

Risonanza magnetica 3 Tesla

La risonanza magnetica 3 Tesla (ad alta intensità di campo magnetico) recentemente acquisita dal Cardiocentro fornisce immagini dettagliate ed estremamente nitide, consentendo di studiare con gran precisione tutti i distretti anatomici del corpo umano, anche quelli che sono più difficilmente accessibili ad altre apparecchiature di risonanza magnetica con campi magnetici meno elevati.

In ambito cardiovascolare, le aree in cui la risonanza magnetica nucleare non teme confronti sono principalmente due: la valutazione quantitativa delle camere cardiache e la valutazione della struttura del muscolo cardiaco. Grazie all’elevato contrasto naturale fra il muscolo e il sangue e al numero illimitato di piani di scansione è possibile studiare e misurare le camere cardiache con una precisione assoluta (la risonanza cardiaca è considerata la tecnica di riferimento).

Inoltre utilizzando un mezzo di contrasto particolare (il gadolinio) è possibile definire con estrema precisione la composizione delle pareti del cuore e distinguere la cicatrice dal miocardio normale. Nell’infarto acuto è possibile distinguere il territorio edematoso, emorragico, necrotico e non necrotico. Infine è possibile avere informazioni anche sulle valvole cardiache e sui grossi vasi extracardiaci. La risonanza cardiaca è l’unica tecnica che permette di avere un così ampio spettro di informazioni con un solo esame.

Ecocardiografia tridimensionale

L’evoluzione tridimensionale degli apparecchi ecocardiografici è recentissima. Il salto di qualità tecnologico risale al 2007, quando sono comparse le prime macchine fornite di sonde transesofagee (cioè sonde che “guardano” il cuore dall’interno dell’esofago) in grado di fornire immagini ecocardiografiche tridimensionali. Sono macchine capaci di una straordinaria capacità di calcolo, e dunque in grado di elaborare immagini tridimensionali in movimento.

Esami effettuati con queste macchine offrono al cardiologo e al cardiochirurgo immagini del tutto paragonabili a quelle di una dissezione anatomica. Di più: le immagini possono essere ruotate in ogni direzione, offrendo la migliore comprensione delle relazioni spaziali tra le strutture anatomiche.

Poiché la disponibilità di queste immagini avviene in tempo reale, è facile comprendere la portata dell’innovazione non solamente nella fase diagnostica, ma anche in ambito interventistico, sia cardiologico sia cardiochirurgico.

Cardio Tac

Si tratta di una TAC di ultima generazione, a doppia sorgente radiogena, capace di assicurare il più alto grado di prestazioni e potenzialità diagnostiche anche nelle applicazioni più innovative e specialistiche.

Dal punto di vista cardiologico, il maggiore vantaggio della nuova TAC è certamente la notevole riduzione dell‘esposizione ai raggi. Rispetto alla precedente generazione di TAC la “Dual Source” consente un abbattimento della dose radiante fino a 20 volte (inferiore a 1 mSv). Inoltre l’estrema velocità con la quale viene eseguita una TAC cardiaca (l’intero cuore è studiato in 0.3 sec) permette di estendere questa procedura anche a pazienti con frequenze cardiache relativamente elevate ed in pazienti con disturbi del ritmo.

E’ infine possibile escludere (o confermare) nel paziente con dolore toracico ed ECG negativo con un solo esame la presenza di malattie gravi e potenzialmente mortali quali la dissezione aortica, l’ embolia polmonare e l’infarto cardiaco.

Corso di ecocardiografia transesofagea 3d

Cardiocentro Ticino

Via Tesserete 48
CH-6900 Lugano
info@cardiocentro.org

Dr. med. Francesco Faletra
Caposervizio Cardiologia

Imaging Cardiaco