Per urgenza 24h centralino: +41 (0) 91 805 31 11 info.icct@eoc.ch
Assistenza al paziente

All’interno di quest’area troverà tutte le informazioni utili che hanno lo scopo di rendere più confortevole il suo soggiorno all’Istituto Cardiocentro Ticino.

In Evidenza
Specialità

Grazie alla sinergia di cardiologi, cardiochirurghi e cardioanestesisti, l’Istituto Cardiocentro Ticino mette a disposizione tecniche chirurgiche sempre meno invasive e le più aggiornate procedure interventistiche.

Ricerca

L’Istituto Cardiocentro Ticino si è da sempre dedicato con impegno alla ricerca e all’innovazione

Area news

In quest’area troverà tutte le notizie e le informazioni relative alle iniziative promosse dal Cardiocentro.

Contenuti
Domande frequenti dei pazienti

Un intervento Cardiochirurgico ci pone spesso davanti ad una serie di domande. Qui troverà alcune risposte e potrà formularci le sue domande.

Domande frequenti dei pazienti

Un intervento Cardiochirurgico ci pone spesso davanti ad una serie di domande. Qui troverà alcune risposte e potrà formularci le sue domande.

Domande frequenti dei pazienti

Le spiegazioni che seguono si basano sull’esperienza e affrontano le principali domande poste dai pazienti e dai loro famigliari durante i colloqui che di norma precedono e seguono l’operazione chirurgica.

Se non dovesse trovare risposte adeguate ai suoi dubbi, se volesse sentire una seconda opinione o magari un consiglio, non esiti a contattarci utilizzando il form nella pagina.

Non ho alcun disturbo ma mi viene detto che devo comunque essere operato. Perché?

È una domanda che viene posta spesso e in effetti non è facile accettare di dover subire un intervento senza avere la percezione di non stare bene.
Tuttavia ci sono due validi motivi per cui a un paziente viene consigliato di farsi operare anche in assenza di (chiari) disturbi:

il primo è la scoperta di un reperto che può diventare minaccioso per il cuore e per la vita. Lo paragoni alla constatazione che i freni della sua vettura non funzionano più: di sicuro li vorrebbe riparare prima di doverli usare e appurare che non frenano davvero.

Il secondo motivo è la conoscenza del decorso naturale di talune malattie cardiache.
Grazie ai vari esami si possono oggi riconoscere precocemente i disturbi di funzionalità, prima che questi provochino un problema serio. Quando certi criteri sono raggiunti, si sa che un intervento precoce – ovvero quando il muscolo cardiaco funziona ancora bene – dà dei risultati migliori. Più a lungo si aspetta, più il muscolo cardiaco si affatica. In tal caso l’esito dell’operazione sarebbe meno buono (e a seconda del problema potrebbe comportare anche più rischi), perché il muscolo cardiaco è già indebolito.

Devo essere operato al cuore. Quanto dovrò stare in ospedale?

In genere la degenza in reparto varia dai 6 ai 10 giorni, ma in caso di problemi o complicazioni può essere necessario prolungare la degenza.
Ognuno reagisce in modo diverso a un’operazione, e noi medici dobbiamo rispettare i tempi di ogni singolo paziente e adattare la dimissione alle specificità di ogni singolo caso.

Quanto dura un’operazione al cuore?

Dipende da diversi fattori: per esempio dal tipo di operazione o se si tratta di un primo o di un secondo intervento al cuore. Una prima operazione dura circa tre ore, ma può durare anche di più in caso di interventi complessi.

Tre ore sono comunque in genere il lasso di tempo necessario al cardiochirurgo per eseguire tecnicamente l’operazione.
In più c’è il tempo impiegato per la preparazione e l’induzione dell’anestesia, e c’è la stabilizzazione del paziente per il trasferimento in cure intensive.

In media passano 5-6 ore dal momento in cui il paziente lascia la sua camera in reparto fino al ricovero in cure intensive dopo l’operazione.

Dopo quanto tempo mi risveglio?

In genere dopo 2-3 ore dall’arrivo in cure intensive.
A volte è necessario prolungare il sonno artificialmente: in tal caso i suoi cari ne verrebbero prontamente informati.

Dopo l’operazione torno nella mia stanza?

Non subito.
Dopo un’operazione al cuore si rende necessaria una sorveglianza accurata e continua in cure intensive.
Rimarrà in cure intensive fino a quando il medico responsabile giudicherà il decorso postoperatorio sicuro ed escluderà l’insorgere di complicanze maggiori.
A quel punto potrà tornare in reparto.
Non è detto che potrà tornare nella medesima stanza occupata prima dell’intervento, perché quella stanza potrebbe essere stata occupata durante la sua degenza in cure intensive.
I suoi effetti personali saranno comunque sempre al sicuro.

Un mio conoscente aveva sintomi simili ai miei: mancanza di fiato, oppressione dietro lo sterno durante uno sforzo. È stato curato al momento dell’esame con una coronarografia con il palloncino e il giorno dopo è tornato a casa. Perché per me questo non è possibile? Perché io devo sottopormi a un’operazione a cuore aperto?

I motivi possono essere diversi.
Può essere che le sue coronarie mostrino più restringimenti, o un’unica lesione proprio dove un intervento con il palloncino non darebbe un buon risultato o sarebbe troppo rischioso.

Può anche essere che, nonostante i disturbi siano simili a quelli del suo conoscente, lei abbia un’altra malattia al cuore, che non può essere curata con un intervento nel laboratorio di cateterismo.

È cominciato tutto con dolori allo stomaco. Dopo varie indagini sembra invece che il problema sia cardiaco. Com’è possibile?

Questo è dovuto alla localizzazione del cuore all’interno della gabbia toracica.
Un insufficiente apporto di sangue alla parte posteriore e inferiore del cuore può provocare dolori nella zona dello stomaco.

Le sarà di più facile comprensione se chiederà al suo cardiochirurgo di spiegarglielo con l’aiuto di uno schizzo o di un modello.

Mio marito dovrebbe essere operato prossimamente. Ha spesso un’oppressione al petto, non dovrebbe esser operato subito? Cosa posso fare io?

Contatti il suo cardiologo o il suo cardiochirurgo: sapranno consigliarla al meglio sulla strategia da adottare.
Spesso si riesce a modificare un po’ la terapia medicamentosa. I due medici discuteranno insieme la situazione.
A volte è effettivamente buona cosa anticipare l’intervento, ma non si può dare una risposta unica che vale per tutti.

La situazione individuale del singolo paziente va analizzata con cura.

La macchina cuore-polmone viene utilizzata per tutti gli interventi al cuore?

La macchina cuore-polmone è in effetti, per la maggior parte delle operazioni a cuore aperto, l’assoluta premessa, senza la quale l’operazione non sarebbe realizzabile.
Per l’operazione più frequente in cardiochirurgia, ossia il bypass aorto-coronarico, esiste tuttavia anche la possibilità di intervenire senza la macchina cuore-polmone.

Cos’è la macchina cuore-polmone? Nuoce al paziente?

La macchina cuore-polmone è un’apparecchiatura tecnicamente molto complessa, in grado di assumere le funzioni del cuore e dei polmoni, ed è concepita proprio per coprire per breve tempo le esigenze del corpo durante un’operazione al cuore.

L’utilizzo della macchina cuore-polmone non è di per sé nociva, ma come tutte le manipolazioni invasive comporta dei rischi.

In genere il corpo reagisce bene, riportando come unica conseguenza una ritenzione idrica da parte dei tessuti, che fa apparire il corpo gonfio. Il parametro principale per valutare il potenziale nocivo della macchina cuore-polmone è lo stato generale di salute del paziente.

Più l’organismo è affaticato, maggiori sono i rischi legati all’impiego della macchina cuore-polmone.

Ho sentito che oggigiorno si può operare il cuore senza l’impiego della macchina cuore-polmone. È vero? Com’è possibile?

Sì, è vero.
La tecnica riguarda soprattutto gli interventi di bypass aorto-coronarico.

La zona sulla quale deve essere applicato il bypass viene fissata per mezzo di uno strumento chiamato stabilizzatore, mentre il cuore continua a battere. In questo modo la parte interessata rimane ferma, consentendo al chirurgo di collegare il bypass all’arteria coronaria.

Anche alcune operazioni alle valvole possono essere eseguite senza fermare il cuore; in questo caso le valvole sono montate su cateteri che vengono introdotti nel cuore.

Durante l’operazione il cuore viene estratto dal corpo?

No, il cuore rimane nella cavità toracica.

Tutti gli interventi convenzionali si eseguono così.

Solo in casi estremi e rarissimi il cuore può essere tolto dalla sua sede per eseguire l’operazione.

Ho sentito che il cuore durante l’operazione viene messo a riposo. Cosa succede? Ricomincia poi a battere? E se non dovesse riprendere?

Sì, è vero.

Quando il paziente è collegato alla macchina cuore-polmone, si interrompe la perfusione del cuore tramite l’occlusione dell’aorta (grazie ad una pinza particolare). Contemporaneamente il muscolo cardiaco viene raffreddato, nutrito e protetto (in modo da aumentare la tolleranza alla mancanza di sangue) infondendo una soluzione speciale.

Quando non è più necessario che il cuore stia fermo, viene levata la pinza dall’aorta, il cuore viene di nuovo irrorato di sangue e riprende a battere. A volte riprende a battere in modo scoordinato; in questo caso un piccolo choc elettrico può convertire il battito scoordinato in uno coordinato. La domanda fondamentale, tuttavia, non è se il cuore riprende a battere, ma con quanta forza. Lo stato di partenza è in questo caso un parametro molto importante.

A volte è necessario somministrare dei farmaci che aumentano la forza del cuore a contrarsi. In alcuni casi è addirittura necessario ricorrere a sostegni meccanici, per esempio utilizzando il pallone intra-aortico. Si tratta di un palloncino introdotto nel cuore dall’inguine attraverso un catetere: il gonfiarsi e sgonfiarsi del palloncino è coordinato con il battito cardiaco e aiuta a sostenere il cuore.

Con gli attuali moderni sistemi di sorveglianza (specialmente l’ecocardiografia), si può regolare la terapia a perfezione, riducendo drasticamente i casi di difficoltà insormontabile.

Cosa significa intervento mini-invasivo? Tutti i pazienti possono essere operati così?

Mini-invasivo significa che durante l’operazione l’integrità del corpo viene lesa al minimo. In cardiochirurgia è possibile raggiungere tale obiettivo in diversi modi: incisioni cutanee ridotte e/o la rinuncia ad usare la macchina cuore-polmone. Bisogna sempre ben considerare che si tratta di modi di operare innovativi.
Questo significa, nel concreto, che:

1. non sono tecniche adatte a qualsiasi paziente;

2. durante l’operazione può porsi la necessità di convertire l’intervento in tecnica tradizionale;

3. sia il cardiochirurgo che il paziente non devono perder di vista l’obiettivo principale, ossia quello di risolvere il problema in modo sicuro ed efficace.

Mia moglie dev’essere operata al cuore. Quanto è grave la sua situazione? Devo pensare al peggio?

Oggigiorno gli interventi al cuore appartengono alla routine, ma questo non significa che sono privi di rischi. Anche volare, per fare un paragone, è oggi un’attività di routine, ma con rischi evidenti.

Per certo la mortalità nei casi di operazione al cuore è minima. Qualche dato concreto: la mortalità in caso di bypass si situa tra il 0,5 e il 2%; in caso di intervento alla valvola è tra lo 0.5 e il 5%.

Decisivo è comunque lo stato di salute generale del paziente, sia nella determinazione del rischio legato all’intervento, sia per le complicazioni possibili dopo l’operazione.

Quanti specialisti sono coinvolti durante l’operazione?

Tanti!
Per il team chirurgico sono coinvolti l’operatore, un primo assistente ed eventualmente anche un secondo.

Il chirurgo viene assistito da un’infermiera strumentista, che a sua volta viene aiutata da un’altra infermiera, detta circolante. La responsabilità per il corretto impiego e funzionamento della macchina cuore-polmone è del cardiotecnico, detto anche perfusionista, che collabora e comunica in continuazione sia con il chirurgo operatore che con l’anestesista.

L’équipe anestesiologica è rappresentata da un anestesista cardiaco responsabile, un suo assistente e un’infermiera anestesista. In alcuni casi è presente in sala operatoria anche il cardiologo per discutere alcune particolarità dell’intervento.

Mio padre è stato trasferito dalle cure intensive al reparto. Non è troppo presto?

È una domanda che viene posta spesso. La decisione di trasferire un paziente dalle cure intensive al reparto si basa sulla valutazione di parametri obiettivi: lo stato clinico del malato, il suo decorso fino a quel momento e quello che si stima possa essere il suo decorso fino alla guarigione.

Per quanto possa apparire semplice valutare i parametri obiettivi, a volte può risultare difficile, anche per il medico stesso, prevedere l’evolversi del decorso. Nel dubbio, si opta per una degenza prolungata in cure intensive. A volte, il trasferimento in reparto (per quanto possa sembrare una decisione coraggiosa) è un passo decisivo per la guarigione del paziente.

La medicina non è come la fisica o la chimica, esistono tante zone grigie: le decisioni vengono prese sulla base del sapere e della conoscenza medica, ma anche affidandosi all’esperienza e all’impressione che dà il paziente.

Quali sono gli obiettivi da raggiungere in reparto?

L’obiettivo in reparto è quello di sostenere il paziente affinché riacquisti la sua autonomia e la sua efficienza. Verrà mobilizzato sempre di più, verranno sorvegliate le ferite chirurgiche e verranno trattate le conseguenze dell’operazione.

Come mai le mani e i piedi di mia mamma sono così gonfi?

È una conseguenza diretta, e comunque passeggera, dell’operazione.
Si tratta di liquidi superflui che vengono momentaneamente depositati nei tessuti.
Uno degli obiettivi nella fase post-operatoria è proprio quello di eliminare questi liquidi in eccesso e questo obiettivo in genere si raggiunge nella prima settimana dopo l’intervento.
A volte è necessario qualche giorno in più, ma è comunque una situazione prevista che non deve destare preoccupazione.

I medici ci dicono che mio marito verrà dimesso tra poco. Ma a casa come andranno le cose? E se gli succedesse qualcosa?

La dimissione viene decisa solamente nel momento in cui il paziente ha riacquisito la sua autonomia e si valuta che possa trovarsi bene a casa o in un centro riabilitativo.

Prima della dimissione vengono effettuati degli esami di controllo, proprio per confermare l’idoneità all’uscita dall’ospedale.
È chiaro che il paziente non è pronto a riprendere subito tutte le attività che vorrebbe, ci vuole un po’ di tempo, ma piano piano ci arriva.
È certamente utile se a casa è presente qualcuno che può dare una mano al paziente in quelle attività in cui necessita ancora un po’ di sostegno.
Dovessero insorgere problemi o semplicemente dubbi, è molto importante prendere contatto con i medici che hanno avuto in cura il paziente.
Dopo la dimissione è consigliata una terapia riabilitativa, impostata e sorvegliata da medici cardiologi specialisti, che ha come scopo quello di migliorare la prestazione fisica e la tolleranza allo sforzo del paziente dopo l’intervento.

Cosa dovrò fare dopo la dimissione? Cosa accadrà una volta dimesso?

Alla dimissione, è auspicabile che uno dei suoi cari la accompagni a casa. È vero, ha riacquisito la sua indipendenza, ma è meglio non esagerare e accettare aiuto per lo svolgimento di attività quotidiane come fare la spesa, o il bucato, … Dovesse essere pianificata una riabilitazione per i giorni successivi alla dimissione, dovrà attenersi alle prescrizioni del centro riabilitativo.
Importante: pazienti operati con l’accesso tradizionale (sternotomia) non potranno guidare l’automobile per le 4 settimane successive all’intervento e non dovranno sollevare pesi maggiori di 5 Kg!
Se avesse la sensazione che le sue condizioni di salute non sono soddisfacenti o non sono come lei pensa dovrebbero essere, non esiti a contattare i medici dell’ospedale dove è stato operato.

Quant’è importante la riabilitazione?

La terapia riabilitativa dopo l’operazione è una componente importante del piano di trattamento della sua malattia cardiaca. Durante questa terapia e dunque sotto controllo verrà sempre più sollecitato fisicamente (sport, passeggiate), finché passo dopo passo il suo corpo e il suo cuore non saranno pronti per sforzi maggiori, sempre seguendo un programma controllato. Spesso alla riabilitazione fisica viene integrato un regime alimentare finalizzato a renderla consapevole di come far durare più a lungo il buon risultato dell’operazione, oltre a favorire una eventuale riduzione di peso, se auspicata. Il periodo dopo l’operazione è particolarmente adatto a impostare positivi cambiamenti nello stile di vita, e la terapia riabilitativa rafforza questa tendenza favorevole.

Una riabilitazione può essere anche ambulatoriale o questo potrebbe risultare pericoloso?

La terapia riabilitativa può essere seguita sia come paziente ambulante sia come paziente degente. Entrambe le possibilità presentano vantaggi e svantaggi, ma l’importante è raggiungere l’obiettivo: aumentare la capacità di rendimento e di mobilità come pure – e questo vale soprattutto per i pazienti più giovani – introdurre qualche cambiamento nello stile di vita (alimentazione e gestione dello stress). Ne parli con il suo medico e si faccia consigliare il tipo di riabilitazione è più adatto a lei.

Da cosa si riconosce un “buon” cardiochirurgo?

Difficile rispondere a questa domanda.
Certo ci sono alcuni criteri oggettivi su cui basarsi: la reputazione e il rispetto che gode il chirurgo tra i suoi colleghi (può chiedere al suo medico curante o al cardiologo) e tra il personale infermieristico; il suo curriculum e la sua carriera (informazioni che si ottengono facilmente in Internet).

La cosa più importante rimane però l’impressione che le dà il chirurgo durante il colloquio pre-operatorio. Valuti lei stesso se si sente in buone, sicure mani, se il medico le ha dedicato abbastanza tempo e attenzione e come ha risposto alle sue domande.

Gli chieda pure della sua carriera e lo interroghi su esperienze precedenti. Grado professionale, titoli di studio e pubblicazioni hanno il loro ruolo, ma nulla è importante quanto la sua stessa fiducia e le sue sensazioni per convincersi che il chirurgo è quello giusto per lei.

Cosa significa “mini-invasivo”?

“Mini-invasivo” significa che si esegue un’operazione “aperta” (ovvero in modo tradizionale, incidendo i vari strati di tessuto fino alla sede da trattare) con una tecnica di intervento minimamente lesiva dell’integrità del corpo.

In genere si associa questo termine a ferite decisamente più piccole, “mini-ferite”, ma la minore invasività di un intervento può anche significare, in cardiochirurgia, che si effettua un’operazione non attraverso una “mini-ferita” (e dunque da questo punto di vista in modo convenzionale), senza tuttavia usare la macchina cuore-polmone, cioè senza circolazione extracorporea.

Un esempio di intervento “mini-invasivo” con “mini-ferita” è un’operazione alla valvola tramite una piccola apertura laterale sulla gabbia toracica (la macchina cuore polmone, assolutamente necessaria per questo intervento, si collega praticando un taglietto all’inguine o sotto la clavicola destra).

Per la seconda categoria si può fare l’esempio di un’operazione di bypass aortocoronarico a cuore battente tramite un’apertura dello sterno (sternotomia) convenzionale, senza però l’utilizzo della macchina cuore polmone.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dalla cardiochirurgia mini-invasiva?

I vantaggi di un intervento con una ferita piccola sono la riduzione dei dolori post-operatori e gli indiscutibili vantaggi estetici.

Gli svantaggi sono legati al fatto che si tratta di un’operazione tecnicamente più complessa e spesso di durata maggiore rispetto a un’operazione convenzionale.

In caso di difficoltà riscontrate nel corso dell’operazione può succedere che durante l’intervento si debba cambiare strategia e passare alla tecnica convenzionale.

Se non ha trovato risposta alla sua domanda compili il form qui sotto: le risponderemo al più presto. I suoi quesiti sono una risorsa per tutti i pazienti






     
     

    Istituto Cardiocentro Ticino

    Via Tesserete 48
    CH-6900 Lugano
    info.icct@eoc.ch

    Riferimenti

    Segreteria Primariato

    Sig.ra Chantal Zurfluh
    Tel. +41 (0)91 805 31 44
    Fax +41 (0)91 805 31 48

    Invia email alla Segreteria

    Prof. Dr. med. Stefanos Demertzis
    Primario Cardiochirurgia

    Direttore Scientifico